Crea sito

Chievo: bene con Milan e Roma

chi-mil-rom

Due partite, due punti. Molto bene visto il blasone delle due squadre incontrate.
Pareggio giusto contro un Milan giù di tono e di idee, sinceramente il peggior Milan visto degli ultimi vent’anni. Ma come si sa, con il blasone non si va da nessuna parte !

Con la Roma invece il vento cambia e tira in direzione della diga del Chievo, a dire il vero poteva starci qualcosa in più del pareggio. E’ stato l’infortunio subìto del povero Mattiello a tagliare gambe e testa agli undici di Maran che fino a quel punto avevano espresso un bel gioco e creato occasioni. La Roma resta a guardare e subisce un Chievo in forma smagliante che però non riesce a colpire i giallo-rossi.
Sono di Paloschi di testa e Birsa di piede le occasioni più limpide che lasciano il rammarico di una partita sforunata.

Note: Mattiello in un contrasto di gioco con Nainggolan al 17° del primo tempo, si procura la rottura di tibia e perone.

chievo-roma-mattiello

Il punto sul Chievo dopo sei giornate

Maxi Lopez festeggia il suo primo gol con il Chievo al S.Paolo
Maxi Lopez festeggia il suo primo gol con il Chievo al S.Paolo

l Chievo sembra iniziare il campionato con un piglio diverso rispetto lo scorso anno, un successo contro il Napoli al S.Paolo fa ben sperare e da fiducia al gruppo di Corini. Va a segno il neo acquisto Maxi Lopez e con il miracolo di Bardi che para un rigore a Higuain il Chievo porta a casa i primi tre punti. Napoli 0 Chievo 1 

Cassano esulta per i gol vittoria
Cassano esulta per i gol vittoria

Arriva il Parma al Bentegodi si gioca alle 12,30 con un clima estivo. Il Chievo gioca bene e corre molto,va a segno con Izco appena dopo 4 minuti di gioco. Nella ripresa arriva sistematicamente un crollo fisico e il Parma infila nel giro di pochi minuti tre gol: Cassano-Coda-Cassano.  Corini & C. sono alle corde troppo stanchi per rimontare se non con il neo entrato Paloschi ma oramai è troppo tardi. Chievo 2 Parma 3 

Si va a Genova contro la Sampdoria, non c’è storia perchè siamo messi sotto senza dare l’impressione di poter far male. Gastaldello e Romagnoli a segno per la Samp, Paloschi al 90° per il Chievo. Samp 2 Chievo 1 

Meggiorini festeggia il primo gol con il Chievo
Meggiorini festeggia il primo gol con il Chievo

Arriva il momento della verità, perchè l’Empoli è alla tua portata e se non vinci in casa contro una tua diretta concorrente alla salvezza allora siamo sulla stessa (brutta) strada dello scorso anno. Il Chievo corre sempre molto nel primo tempo, anche se crea poco o nulla di pericoloso. Nella ripresa arriva sempre il grande calo fisico e mentale. Ci pensa Meggiorini appena entrato ad andare a segno (primo gol con il Chievo). Sembra fatta, già sembra, perchè è l’Empoli a risorgere e ad andare a segno con Pucciarelli. Poi è black-out totale per il Chievo che se non perde è per i clamorosi gol sbagliati sotto porta degli attacanti dell’Empoli e per gli straordinari di Bardi. Non è un bel segnale. Chievo 1 Empoli 1

 

Honda in gol su punizione
Honda in gol su punizione

Si va a S. Siro contro il Milan, sperando (di non prenderne troppe), ma si sa che con la speranza non si fa molta strada.
Sinceramente il Chievo gioca una delle sue belle partite, non sbaglia nulla e merita di vincere. Sono gli episodi che decidono il risultato, andando per ordine: il rigore non dato a Maxi Lopez per un evidente pestone in area e l’errore di Lazarevic in contro piede che in tre contro uno del Milan spreca l’occasione per riportare in parità una partita che merita di vincere. Muntari e Honda a segno, ma quanta sfortuna ! Milan 2 Chievo 0

CHIEVO – MILAN 0-2

chievo_milanIn tutta tranquillità, possiamo dire con soddisfazione che siamo i primi a dare il motivo dell’espulsione di mister Del Neri.
Mi sento un po’ in colpa, perchè per una volta che faccio un regalo alla nonna e la porto nelle poltroncine numerate settore ovest, (dietro le panchine) succede il finimondo.
Vista la temperatura mite, decido di portare via la cena alla “vecchia” e di farla mangiare durante l’intrevallo della partita. Pochi minuti prima che finisca il primo tempo quindi le consegno il termos formato famiglia e lei incredula mi dice:” ela par mì ? grasie che sorpresa che te me fato, gavea proprio un slan-guor che stavo sclerando“. Io tutto felici le dissi: “tieni nonna ti ho fatto le crepes”
Tutto d’un tratto mentre trascorreva l’ultimo minuto del primo tempo si alza di scatto dalla seggiolina gridando: ” la farina de merda, te ghe fato da magnà senza la farina, brutta merda de neodo“. In effetti mi ero scordato la farina, più che crepes sembravano ovi sbatui.
L’arbitro Farina ha solo sbagliato persona, perchè se c’era una da espellere era proprio la “bestia dalla lingua biforcuta” e non il nostro incolpevole Gigi del Neri.
Infatti solo un’ ignorante non sa come si chiama l’arbitro.
Passato un minuto senza condottiero ed il Milan va a segno, giuro che l’avrei impiccata, ma sinceramente mi faceva anche un po’ pena…fare una fine così con lo stomaco pieno !!! Il Chievo che fino a quel momento teneva testa alla corazzata rosso-nera è sotto di un gol. Peccato.
Speriamo nella ripresa, si dicevano tutti, ma aimè nemmeno il tempo di dirlo e Scheva trafigge il Ceo per la seconda volta, mettendo il sigillo sulla partita.
Il Chievo non si rende pericoloso e nemmeno la stria (strega) può fare ancora danni in quanto messa in condizioni di non nuocere…vi ricordate il nastro americano color grigio ? ecco proprio quello !!!
Finisce l’incontro, Milan batte Chievo due a zero, abbiamo perso contro la squadra migliore del campionato, ci può stare. Auguri allo sfortunato Sculli perchè proprio allo scadere prende un duro colpo alla caviglia ed esce dal campo piangendo dal dolore.

CORAGGIO CHIEVO !!!

Reti:
46′ p.t. Shevchenko (Milan)
05′ s.t. Shevchenko (Milan)

Milan-Chievo 3-2 : altro rigore inventato

 

milan-chievo2

Il Chievo da spettacolo ed è bello da vedere. Gioca senza timori reverenziali e questo fatto da fastidio alle grandi che devono vincere “sempre”. Peccato perchè un Cesari in gran forma compensa il Milan rimasto in 10 per l’infortunio di Inzaghi.
Il Chievo perde ma con tutti gli onori del caso e con i complimenti del mondo intero !!!

Milan (4-3-1-2): Abbiati 6.5, Helveg 6, Laursen 5 (1′ st Costacurta 6.5), Chamot 6, Maldini 7, Gattuso 6, Donati 5.5 (14′ st Contra 6), Serginho 6.5 (1′ st Kaladze 6.5 ), Rui Costa 5.5, Shevchenko 6.5, Inzaghi 6.5 (1 Rossi, 25 Roque Junior, 21 Pirlo, 69 Simone). All. Ancelotti 6.5.

Chievo (4-4-2): Lupatelli 6, Moro 6, D’Angelo 6, D’Anna 5, Lanna 6.5, Eriberto 6, Perrotta 6, Corini 6.5 (24′ st Cossato sv), Manfredini 6 (20′ st Franceschini 6), Corradi 6.5, Marazzina 6.5 (28′ st Binotto sv) (67 Ambrosio, 7 Barone, 25 Lorenzi, 33 Beghetto). Allenatore: Del Neri 6.5.

Arbitro: Cesari di Genova 4.
Angoli: 6-5 per il Chievo.

Recupero: 1′ e 4′.
Ammoniti: Corradi, Eriberto, Corini

Spettatori: 60 mila.

note: il Milan, che aveva esaurito i tre cambi a disposizione, ha giocato in 10 uomini dal 16′ st per infortunio di Inzaghi (scontro con Lupatelli), uscito definitivamente a braccia dal terreno di gioco al 22′.

I gol:

15′ pt: classica azione di Serginho, che sulla sinistra va via a Eriberto e Moro per crossare sotto porta dal fondo. Altrettanto classica la conclusione di Pippo Inzaghi, che in perfetta elevazione schiaccia in rete di testa. Il Chievo non protesta, ma la tv dira’ che e’ fuorigioco.

26′ pt: azione bruciante del Chievo, con Manfredini che da sinistra lancia con un rasoterra filtrante Marazzina. L’attaccante evita il recupero di Chamot e con un non facile diagonale fa secco Abbiati in lenta uscita.

29′ pt: Corini crossa dall’angolo e Corradi, lasciato libero davanti ad Abbiati, centra di testa la porta rossonera.

13′ st: calcio di rigore per il Milan per un fallo in area fantasma (forse di Eriberto sull’ucraino?). Sheva batte rasoterra in rete alla destra di Lupatelli.

20′ st: cross in profondita’ di Rui Costa dalla destra, Shevchenko in corsa gira di testa in rete.